L’umidità è un notevole pericolo all’interno delle nostre case, in quanto può favorire l’insorgenza di muffa sulle pareti. Va ricordato che proprio ad essa sono da ricondurre non solo il cattivo odore e i danni estetici ormai noti, ma anche una tossicità tale da renderla pericolosa per la salute, soprattutto in quei nuclei familiari che vedono la presenza di bambini e ammalati.
Proprio la muffa è responsabile di tutta una serie di allergie e danni alle vie respiratorie ai danni dei soggetti più predisposti in tal senso. Tra di essi occorre ricordare in particolare il raffreddore e il naso chiuso, l’asma e lo stato di infezione cronica delle vie respiratorie, la continua lacrimazione, i dolori muscolari, la dermatite e la tosse.

Cos’è la muffa

La muffa è un tipo di fungo pluricellulare il quale provvede a formarsi e riprodursi sotto forma di spore. Di solito la sua proliferazione avviene in tutti i luoghi che risultino particolarmente umidi e siano poco arieggiati, all’interno della casa. Una categoria che comprende in particolare gli scantinati, gli angoli delle pareti, i muri delle stanze soggette a notevoli sbalzi termici a causa della presenza di finestre e solai e nel soffitto del bagno.
In particolare possono risultare pericolose per l’uomo le spore che, nel malaugurato caso in cui siano inalate, possono causare allergie nei soggetti caratterizzati da basse difese immunitarie e che possono essere tossiche, in particolare per i più piccoli. Proprio nei bambini, infatti, possono rappresentare la causa di infiammazioni e lesioni a carico dell’apparato respiratorio, a partire dai polmoni.
La presenza della muffa può rivelarsi particolarmente pericolosa nei luoghi in cui la famiglia vive di giorno in giorno. Essa può infatti provocare, soprattutto nei piccoli, una serie di notevoli sbalzi dell’umore oltre che fisici e psicologici, provocando effetti sulla stessa concentrazione e promuovendo effetti da non sottovalutare sul comportamento.
Proprio per questo motivo non appena se ne ravvisi la presenza è consigliabile prendere provvedimenti efficaci al fine di combatterla senza quartiere e scongiurare la possibilità che in famiglia possano verificarsi problemi di salute.

Il deumidificatore

Tra i possibili antidoti alla muffa va considerato anche il deumidificatore, ovvero il macchinario che provvede ad entrare in funzione una volta che il livello di umidità varchi una determinata soglia, di solito intorno al 60%, catturando l’aria viziata per depurarla e restituirla con il grado giusto di vapore acqueo.
In commercio è possibile reperire molti modelli, più o meno validi. Per capire quale possa essere quello adatto si consiglia comunque di consultare questo sito, una vera e propria raccolta di preziose informazioni in grado di aiutare il consumatore in fase di scelta.