Anche se la scelta della lavastoviglie è stata effettuata con accuratezza, spesso l’utilizzo frequente potrebbe comportare cattivi odori oppure problemi di ostruzione. Nella gran parte dei casi, questi problemi potranno essere prevenuti eseguendo una manutenzione corretta dell’elettrodomestico.

La manutenzione della lavastoviglie.

Di norma i prodotti presenti sul mercato hanno in dotazione un manuale d’utilizzo che oltre alle istruzioni sui diversi programmi di lavaggio, ci sono pure le indicazioni riguardanti la manutenzione periodica. Nel caso non sia presente, sarà comunque possibile scaricarlo online sul sito dell’azienda produttrice.

In genere la manutenzione della lavastoviglie è relativa alla sua pulizia esterna ma pure a quella degli irroratori ed anche del gruppo filtrante.

Per quanto concerne le superfici esterne e lo sportello, di solito vanno pulite con un panno morbido inumidito. Talvolta per le superfici verniciate si utilizzano detergenti specifici oppure anche il detersivo per piatti. Le guarnizioni dello sportello dovranno essere pulite con una spugna bagnata. Importante sarà asciugare tutto bene con un panno morbido, perchè la lavastoviglie scelta non possa andare incontro a depositi di ruggine.

Un’ulteriore azione importante di manutenzione riguarda la pulizia del suo filtro che è presente fra rubinetto dell’acqua e tubo di carico della lavastoviglie. Per poterla eseguire, sarà necessario chiudere il rubinetto dell’acqua ed andare a svitare il tubo. Preso il filtro, dovrà essere lavato bene sotto l’acqua corrente, bisogna reinserirlo e rimontato il tubo e in seguito riaperto il rubinetto.

Anche gli irroratori dovranno essere puliti, per una buona manutenzione sarà necessario lavarli periodicamente sotto acqua corrente. Se fossero otturati, si potranno pulire i fori mediante l’uso di un oggetto appuntito. Reinseriti ci si dovrà accertare che sia stato fatto in modo corretto. In questo caso i bracci gireranno liberamente, evitando ostacoli.

Inoltre, sul fondo della vasca è presente il sistema filtrante della lavastoviglie che servirà a poter trattenere i residui più grandi, andando ad evitare che lo sporco possa ricircolare di continuo nel corso del lavaggio.

Di norma sul manuale d’uso ci sono le  modalità specifiche di pulizia del gruppo filtrante, ecco allora bisognerà accertarsene quando si sceglie la lavastoviglie. Di solito, è rappresentato da un filtro centrale ed un microfiltro. Questi si rimuovono con movimenti rotatori e in seguito sollevando il tutto. Tuttavia sarà importante potersi accertare della specifica modalità di rimozione per la tipologia di lavastoviglie, andando a consultare il libretto di istruzioni. In ciascun caso sarà opportuno porre attenzione che quando si effettua la rimozione, non vadano a cadere pezzi di cibo nella vasca. Altri interessanti approfondimenti su www.sceltalavastoviglie.it.