Per i neogenitori, la prima caduta dei propri figli rappresenta una sorta di trauma, tanto da essere ricordato ad anni di distanza, proprio per il timore di danni che esso può ingenerare.
Il problema è che impedire un simile evento è quasi impossibile, al massimo si può vigilare affinchè i piccoli non diano vita ad operazioni in grado di metterli in evidente pericolo, a meno di non volersi dedicare loro 24 ore al giorno. A parziale consolazione occorre comunque sapere che il 90% delle cadute non comporta alcuna conseguenza di carattere fisico, nonostante il fatto che proprio per evitare danni la prima reazione è quella di portare i piccoli al pronto soccorso, per verificare che non ci siano conseguenze poco visibili per chi non è uno specialista.
Quello delle cadute dei neonati è comunque un pericolo sempre dietro l’angolo, il quale può comunque essere limitato, ad esempio evitando di condividere il sonno con loro. Proprio per questo sono stati varati nel corso degli ultimi anni i lettini che possono agganciati a quello dei genitori. In pratica tra mamma e neonato non si interrompe il contatto diretto, ma lo si incardina su alcune norme tese ad assicurare sicurezza al secondo ed evitare ad esempio lo schiacciamento o la caduta.

Le sedute per i più piccoli

Altra tipo di caduta che terrorizza i genitori è poi quella che si verifica magari da una seduta, ad esempio una sdraietta o un seggiolino. In questi casi bastano però semplici accorgimenti come l’utilizzo delle cinture per evitare che un evento simile possa avere luogo.
Va peraltro considerato come l’utilizzo delle sedute sia spesso sconsigliato dai pediatri, proprio in virtù della necessità di stabilire sin dai primi mesi di vita un legame saldo tra genitori e figli. Il fatto è che proprio tenere in braccio il piccolo può esporlo a notevoli rischi, se solo si pensa come i pronto soccorso degli ospedali siano letteralmente presi d’assalto a causa della caduta provocata magari nel corso di operazioni che si ritengono prive di pericoli. Quando si deve attendere ad una qualsiasi operazione, quindi, sarebbe molto meglio riporre il bebè all’interno di un seggiolino o di una sdraietta e riprenderlo in braccio una volta terminata l’incombenza.
Ricordiamo comunque che per chi intenda dotarsi di una seduta sicura, comoda e di qualità è possibile reperire notizie online, ove sono molti i siti che presentano i migliori prodotti proposti sul mercato dalle case che presidiano ormai da tempo il settore dedicato all’infanzia.